Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più consono per favore contattaci e ci piacerebbe sentire da voi.
 

itreporcellini
 

Musiche originali: Steve Cable

Scene: Tiziana Rapisarda

Testo e Regia di Antonella Caldarella


“Aiuto! Aiuto!” grida Papà Porcello..”E’ una femmina!” Eh sì, dopo due porcellini maschi nasce una porcellina, la quale cresce servendo i suoi fratelli maggiori. Diligente e determinata, vuole dimostrare ai suoi genitori di essere in gamba, di saper lavorare e cavarsela da sola. “La fatica è per fessi!” ridono i suoi fratelli, “Siamo troppo furbi per sgobbare!” gridano e pensano solo a mangiare e dormire. Arriva, però, il giorno in cui devono andare a costruirsi una casa. “Noi abbiamo già finito!” canzonano i fratelli dopo pochi giorni, “tu stai ancora lavorando! Le femmine non capiscono nulla…” E intanto, pian piano, la nostra porcellina costruisce la sua casa, sapendo che un giorno, prima o poi, potrebbe arrivare un lupo affamato………...


Dodici anni dopo il debutto di “Cappuccetto Rozzo”, Antonella Caldarella ritorna ad elaborare a modo suo un classico delle fiabe, in questo caso la fiaba inglese “I Tre Porcellini”. Questa nuova produzione è uno spettacolo musicale arricchito sia da numerose canzoni sia da tanti gags clowneschi tra i tre attori in scena, i quali interpretano i vari personaggi man mano che la storia si sviluppa. La chiarezza del testo si sposa perfettamente con la corporeità e con l’espressività non-verbale degli attori all’interno di una drammaturgia che tiene conto delle esigenze della delicata fascia d’età (materna – 1°ciclo elementare) alla quale si rivolge. L’Innovazione principale dell’autrice nell’adattamento della fiaba sta nel rendere femminile il personaggio principale: il porcellino ‘saggio’, il quale era già ‘il più piccolo’ e quindi ignorato/sotto-valutato, e che ora, da ‘femminuccia’, deve a maggior ragione impegnarsi per dimostrare il suo valore (finché sarà proprio lei a salvare i fratelli). Oltre a questo cambiamento, la nostra versione – musicale, colorata, divertente - è molto rispettoso in rispetto a questa amatissima fiaba e alla sua intramontabile morale di fondo: che chi si impegna a costruirsi un futuro (attraverso lo studio, il lavoro, la buona educazione), riceverà prima o poi i benefici a differenza dei ‘furbetti’ e fannulloni che rimeranno…..maiali!






 
 La Casa di Creta ...
  Site Map